SOAVE

Il percorso prevede la visita al suggestivo borgo medievale e al Castello scaligero.

(Altri itinerari e visite guidate in città e/o in provincia di uno più giorni da concordare).

Soave si presenta come un intatto borgo medievale, pittoresco e romantico, dominato da un possente castello e circondato da mura merlate alla ghibellina.

L’accesso al borgo avviene da porta Verona, una delle tre porte aperte nelle mura difensive trecentesche.

Il castello è tra i più completi esempi di architettura difensiva di epoca scaligera (metà XIV sec.), utilizzato in seguito dai Veneziani e ripristinato nel 1892. Significativo è l’articolato complesso di tre cortili che lo costituisce e il corpo di guardia interamente visitabile. Degna di nota è anche l’abitazione privata dei signori che mostra al piano terra la sala del Corpo di guardia con una ricca e suggestiva collezione di armi e corazze scaligere; al primo piano: la stanza della Caminata da cui il nome dal bel camino, la stanza da letto con un affresco XIV, la sala da pranzo e lo studiolo da cui si accede ai camminamenti e quindi al mastio. Splendido il mastio che imponente domina l’intero abitato e la vallata di Soave.

Dopo aver visitato il castello, si passeggia lungo via Roma, la via principale del borgo, che ospita i più importanti edifici storici: palazzo San Bonifacio (XIII sec.), palazzo Cavalli, in stile gotico-veneziano (XIV sec.),  chiesa di San Lorenzo, patrono del paese (XIV-XVIII sec.), il bel palazzo di Giustizia e l’imponente palazzo Scaligero, sede dei governanti veronesi poi dei capitani della Serenissima ed oggi Municipio. Splendida anche la chiesetta rinascimentale di Santa Maria di Montesanto o dei Domenicani.

Inoltre, all’interno della Parrocchiale di San Lorenzo, eretta nel 1303 ma riedificata nel ‘700 e poi ingrandita nel 1884, si conservano le opere di Paolo Farinati, Francesco Morone e Agostino Ugolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.