LAGO DI GARDA

Itinerari proposti: Peschiera, Lazise, Bardolino, Garda, Torri del Benaco, Malcesine, Desenzano, Sirmione, Salò, Gardone.

(Altri itinerari e visite guidate in città e/o in provincia di uno più giorni da concordare.)

I diversi itinerari intendono far conoscere e valorizzare le bellezze naturali, storiche ed artistiche, dei centri più incantevoli situati sulle coste meridionali ed orientali del lago di Garda, meglio conosciute come “Riviera degli olivi”.

Tra storia, arte, tradizioni, aneddoti e curiosità si potranno ammirare ville, castelli, borghi, corti, pievi. Particolare attenzione è rivolta anche agli aspetti geografici, geologici, faunistici e alla vegetazione, meravigliosa cornice che rende magici tutti questi luoghi.

Lago di Garda

PESCHIERA

Fondata dai Romani col nome di “Arilica”, è forse il centro del “quadrilatero” che più degli altri ha conservato l’aspetto di città militarmente strategica. Il nucleo si trova su un isolotto cinto da mura a pianta stellare. Rafforzate dagli Scaligeri, cui si deve anche la rocca, le mura furono modificate dai veneziani e completate dagli austriaci.

Tra i monumenti più significativi: le porte (Verona e Brescia), progetto di Michele Sanmicheli; l’antica Piazza D’Armi; la quattrocentesca parrocchiale di San Martino. Nei pressi, in direzione per Brescia, il celebre Santuario del Frassino.

I  parchi divertimento del Garda più visitati:

Gardaland: uno dei più importanti parchi di divertimento in Italia;

Parco Zoo Natura Viva: un parco faunistico con migliaia di animali rari e il Safari park con animali provenienti soprattutto dall’Africa.

Parco Giardino Sicurtà: (a Valeggio sul Mincio) con bossi secolari, verdi aceri e un estesissimo tappeto erboso.

LAZISE

Di origini antiche vanta l’inconfondibile profilo del castello scaligero (1375-81), eretto oltre le mura merlate medievali da cui spicca l’imponente mastio; il maniero fu sede del Capitano del lago durante il dominio di Venezia. Accanto al porto, già darsena scaligera e poi veneziana, la chiesa di San Nicolò databile alla fine del XII secolo.

Tra gli altri monumenti rilevanti: la Villa Bernini (XIX sec).

BARDOLINO

Il paese, che dà il nome al rinomato vino rosso, cinto dalle colline moreniche, mostra nel suo centro cittadino una porta e una torre di epoca scaligera uniche testimonianze delle antiche mura. A monte dell’abitato la piccola chiesa di San Zeno è un eccezionale esempio di architettura carolingia. Sempre a margine del nucleo storico di questo centro si trova la pieve romanica di San Severo, con preziosi affreschi duecenteschi.

Importante il Museo dell’Olio e quello dedicato alla viticoltura.

GARDA

Il centro del paese, situato su un piccolo golfo delimitato a sud dal monte della Rocca e a nord dalla stupenda punta S.Vigilio, presenta un suggestivo piano urbanistico  ricco di piccole vie, vicoli e piazzette adorne di eleganti edifici in stile veneziano: il Palazzo dei Capitani e Palazzo Fregoso, edificato dove sorgeva l’antica porta romana, ne sono due mirabili esempi.

Alle pendici della Rocca la parrocchiale (XVIII), mentre appena fuori dal centro storico si trova la villa Becelli Albertini, costruzione ottocentesca che ingloba un precedente palazzo signorile del Cinquecento.

TORRI DEL BENACO

L’antico e grazioso porto è racchiuso dalla cortina di mura estese durante la dominazione scaligera; nello stesso periodo fu costruito sul lato meridionale il castello, inconfondibile per la sua mole, che è oggi sede di un ricco museo dedicato alla pesca lacustre e alla raccolta delle olive. Inoltre, all’estremità nord del centro storico, si può ammirare la torre di Berengario risalente all’età carolingia.

MALCESINE

Una delle mete più conosciute dell’alto lago, fu ammirata anche dall’illustre poeta viaggiatore W. Goethe, che vi soggiornò nel 1876. Su uno sperone roccioso si innalza il castello scaligero, che ospita un piccolo museo storico-etnografico imperniato sulla cultura e l’ambiente del lago. Notevole è il panorama che si gode dall’alto del mastio. Antico il centro del paese con le stradine lastricate in pietra e il palazzo dei Capitani in stile gotico veneziano.

SIRMIONE

Uno dei luoghi più suggestivi e celebrati di tutto il Garda. In fondo alla stretta penisola che si protende sul lago, in una splendida posizione panoramica, si trovano i resti della villa romana nota da secoli con il nome di “Grotte di Catullo”. Alle spalle di questi reperti si apre il centro storico, difeso, nell’unico lato raggiungibile via terra, da una robusta rocca scaligera, completamente isolata dall’acqua e collegata alla terra ferma da due ponti; è oggi tra le meglio conservate d’Italia.

SALO’

Conosciuta per i suoi ricchi monumenti  e per la vasta vegetazione, orti, cipressi e olivi, è oggi celebre in particolare per essere stata una delle sedi politico-amministrative della Repubblica Sociale Italiana nell’ultima fase del fascismo nonché per la presenza di Mussolini che dimorò nella storica villa Feltrinelli.

GARDONE

Famoso per la vegetazione lussureggiante e per importanti ville storiche e ricchi Hotel, Gardone si contraddistingue in particolare per il Vittoriale, celebre residenza del soldato-poeta Gabriele Dannunzio. Questo complesso appare come una vera e propria cittadella di cui notevoli i numerosi edifici collocati nell’ampio parco. All’interno oggi un ricco museo con vari cimeli esposti. Di particolare rilevanza: il teatro all’aperto nel quale ogni estate vengono inscenate opere, spettacoli e balletti. Importante  anche il mausoleo in cui si conservano le spoglie del poeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.