VERONA ROMANA

Tutti gli itinerari potranno essere modificati a scelta da concordare.

Tra gli itinerari proposti :

Verona romana 1

Questo affascinante itinerario intende esplorare le origini di Verona nell’antica civiltà romana.

Partendo dalle pendici dell’incantevole colle di San Pietro, si ammirano i resti dell’area archeologica del teatro romano, mirabile complesso a chiusura scenografica dell’impianto urbanistico della città. (Su richiesta, è possibile entrare nel teatro romano e visitare l’annesso Museo Archeologico ricco di reperti romani, statue, cippi, lapidi, iscrizioni, mosaici..)

Ricostruendo, quindi, l’antico assetto della zona sulla riva sinistra dell’Adige, con le due porte e l’odeon, si attraversa ponte Pietra, il più antico monumento cittadino, per raggiungere il foro (piazza Erbe), rilevante centro di attività religiose, politiche e civili. Da qui, lungo il decumano massimo, si giunge alla monumentale porta Iovia (ora Borsari), ingresso principale alla città romana aperta sull’antica via Postumia.

Ponte Pietra I sec. a.c.

Verona romana 2

Un itinerario di grande interesse volto all’indagine delle origini di Verona nell’antica e gloriosa civiltà romana esplorata in tutti i suoi molteplici aspetti: storici, culturali, artistici.

Dalla pianificazione dell’assetto urbanistico in età repubblicana all’evoluzione della città stessa verso un maggior e più ampio inurbamento con ricche Domus e monumenti della fastosa epoca imperiale.

Il percorso ha inizio dall’arco dei Gavi (Isec.d.C) e seguendo l’antica strada consolare via Postumia, si accede nella città romana attraverso la porta Iovia (oggi porta Borsari), importante punto d’ingresso alla città. Da qui, imboccando il decumano massimo, si giunge al foro (in corrispondenza di piazza Erbe), rilevante centro di attività religiose, politiche e civili; qui si possono ammirare alcuni straordinari reperti archeologici. Si prosegue, poi, lungo il cardo massimo, fino alla porta Leoni di cui gli scavi archeologici hanno reso visibili le fondazioni; quindi, costeggiando parte del tracciato delle mura di Gallieno, si arriva all’anfiteatro Arena, di cui si analizzerà la sua storia, la struttura e le curiose vicende che lo resero protagonista (gladiatori, venationes, ecc.).

Un accattivante itinerario per conoscere alcuni aspetti storici e culturali della civiltà romana legati in particolare a curiosi usi, costumi e abitudini tratti dalla vita quotidiana.

Dalla collina dov’è situata la villa romana di Valdonega, raro esempio di abitazione suburbana, con il suo oechus corinzio, i raffinati mosaici e i pregevoli resti di pitture parietali, si raggiunge il ponte Pietra, il più antico monumento cittadino. Percorrendo cardi e decumani e passando per il foro (piazza Erbe), rilevante centro di attività religiose, politiche e civili, si giunge alla casa romana di piazza Nogara, signorile dimora abitata per più secoli, che conserva intatta la sua planimetria con splendidi mosaici.

La villa di Valdonega e il complesso del teatro romano

In questo itinerario si approfondiscono alcuni aspetti storici e culturali della civiltà romana valorizzando curiosi momenti della vita quotidiana, come: abitudini, usi e costumi, ma anche  significative vicende politiche, economiche e religiose che hanno caratterizzato quell’epoca.

Si visita la villa suburbana di Valdonega, con i suoi raffinati mosaici, le pitture parietali e il raro esempio di oechus corinzio. Poi, scendendo fino a ponte Pietra, il più antico monumento della città, si ammira il teatro romano, mirabile complesso a chiusura scenografica dell’impianto urbano della città; i resti del santuario e dell’odeon. Infine, si analizzano i vari reperti del Museo Archeologico ( statue, cippi, lapidi, iscrizioni, mosaici..) uno dei più importanti dell’Italia Settentrionale.

Il Museo Lapidario Maffeiano

Ideato nel ’700 da Scipione Maffei, è il primo tra i più prestigiosi musei epigrafici in Europa. Sulla base delle iscrizioni e dei bassorilievi esposti nel cortile, è possibile ricostruire le vicende sociali e culturali degli antichi Romani nei diversi aspetti: la carriera politica, la vita militare, il ruolo della donna, la religione, il culto della morte, l’economia, i momenti ludici ecc. Le sale interne permettono, inoltre, un interessante confronto con la cultura dei loro predecessori, Greci ed Etruschi.

Verona romana sotterranea: gli “Scavi Scaligeri”

Un affascinante itinerario che intende ricostruire la storia di alcune considerevoli aree archeologiche di età romana.

Il percorso ha inizio con l’analisi della situazione archeologica del foro romano (piazza Erbe), rilevante centro di attività religiose, politiche e civili, per poi accedere nel suggestivo percorso sotterraneo ricostruendo l’assetto edilizio ed urbanistico di una vasta zona  residenziale, oggi considerata una delle più estese ricognizioni archeologiche urbane nell’Italia settentrionale.

Tra i resti più interessanti ricche pavimentazioni musive, un cardo minore perfettamente conservato e completo della sottostante cloaca, case che vi si affacciavano e che, nel volgere dei secoli, si sono adeguate all’innalzamento del piano stradale. A conclusione si analizza la porta Leoni, di cui gli scavi archeologici hanno reso visibili le fondamenta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.